FORMAZIONE          in CLASSE

 
 

La DIDATTICA nella scuola primaria e dell'infanzia

 
     
  Archilaboratorio in classe

Quante case! Alla scoperta del nostro paese...

Progetto per un mini ciclo di laboratori didattici ed esperienziali sui temi del territorio e del “paese”.

La proposta è rivolta alle classi:

  • bambini e bambine della scuola dell’Infanzia (mezzani e grandi)
  • bambini e bambine della scuola primaria

Per ogni fascia d’età, è proposto un livello di approfondimento differente, concordato con gli insegnanti.

L’obiettivo

Il percorso si propone come un “Educazione civica sul campo”, in forma esperienziale quindi, un piccolo cantiere di “urbanistica” dell’innovazione spaziale e didattica, in cui si può unire l’educazione con la conoscenza dell’architettura, negli ambiti e nei contesti di crescita e di istruzione.

Un percorso in cui i bambini possano imparare dalla conoscenza, dall’osservazione e dallo scambio diretto, per apprezzare i luoghi in cui si vive, impreziosirli con le relazioni quotidiane ed averne cura.

Conoscenza del territorio, dei manufatti dell’uomo e della natura, riconoscimento della specificità dei luoghi.

Un’idea per immaginare nuovi modi per abitare gli spazi educativi e gli spazi civili del paese (scuola, oratorio, parrocchia, comune, parchi, monumenti, biblioteca, il fiume, la collina, emergenze del tessuto storico....), partendo proprio dai più piccoli.

Un modo per introdurre il tema della Progettazione partecipata (i bambini rilanciano sui temi del “il paese che vorrei...la scuola che vorrei...il fiume che vorrei...la casa che vorrei.....)

Una serie di spunti per alimentare uno spirito visionario, l’utilizzo della fantasia dell’immaginazione che scaturisce il desiderio per le cose buone, semplici e belle. Per la bellezza e la cura delle persone e dei luoghi, che possa essere segno di speranza nel futuro delle generazioni.

La modalità

Verrà utilizzata una modalità interattiva, laboratoriale, ludica. Il percorso prevede incontri preliminari in classe di introduzione al tema, incontri esterni di osservazione e di raccolta materiali, alla scoperta di luoghi significativi del paese ed infine incontri in classe di restituzione, di riproposizione e di costruzione.

Quante case!

Mostrare ai bambini le varie tipologie di abitazione. Sia nell’evoluzione storica in generale sia nel concreto della storia del tessuto del paese  i cortili, gli “stalli”, case , ville, cascine,...fino ad arrivare ai moderni condomini....

Oltre alle tipologie di abitazione, alle forme e ai materiali che le contraddistinguono, i bambini potranno cimentarsi nella costruzione di storie (storia di chi ci abita, anche di fantasia...)

E ancora...la storia delle “botteghe”, quelle vecchie e quelle nuove, le insegne, i mestieri....un censimento fatto dai piccoli.

Attività fuori e dentro la classe

Incontri introduttivi in classe (accenni storici attraverso modalità ludiche e visive, consultazione di libri e foto storiche)

Uscite esplorative che comprendano:

  • visite guidate ai luoghi del paese (architetture minori e architetture significative, personaggi e luoghi simbolici) con modalità interattive (es. cacce al tesoro alla scoperta dei luoghi...interviste...)
  • raccolta materiali (rilievo sul campo di alcune peculiarità architettoniche, schizzi, appunti di disegni sul posto, interviste, fotografie....)

Insieme ai bambini rielaboreremo il materiale raccolto durante le uscite e durante le lezioni introduttive. Realizzeremo quindi, soprattutto attraverso l’utilizzo di materiali di scarto, alcuni manufatti che rimarranno alla scuola o che potranno essere donate alla collettività.

Esempi di costruzione: “Il villaggio di cartone” (costruzione su grande scala) “La casa che vorrei” (costruzione su piccola scala); “La grande mappa del paese” (realizziamo un “cabreo” moderno); “L’arazzo dei luoghi”  (Composizione collettiva di un tappeto-mosaico da appendere in un luogo significativo)

Queste attività possono sfociare poi in una mostra di elaborati e disegni sul tema del “paese” da mostrare

alla cittadinanza e/o una mostra fotografica con le fotografie scattate dai bambini stessi.

Le collaborazioni

Il progetto prevede, e si auspica, una componente di scambio con le realtà del paese ospitante:

Associazioni del territorio, Artigiani e Commercianti (per la valorizzazione delle botteghe, dei mestieri, del mercato...), realtà comunali e parrocchiali. Scambio di racconti, di interviste, di materiali documentari, di stima e di conoscenza reciproca.

Allo stesso modo la proposta, che ruota attorno ai bambini e alla loro visione del mondo, si prefigura come un percorso trasversale che possa toccare anche le altre  generazioni (gli adulti della società civile, gli anziani del centro diurno, i giovani dell’Oratorio o del Cag...), sempre nell’ottica dello scambio.

I tempi:

Il ciclo di incontri può essere costruito insieme agli insegnanti che ne faranno richiesta, su misura per il gruppo classe coinvolto con tempi e modalità da definire.

In media sono previsti 5 incontri da 2 ore (da concordare insieme).


Per ulteriori informazioni non esitate a contattarci:

info@studiodeldossi.it

Referente del progetto: arch. Daniela Monardo